OdG Seduta di contrattazione decentrata del 2 luglio 2014

Cari colleghi,è convocata per il giorno 02/07/2014  ore 9.30 presso la Sala delle
Lauree (cortile Volta) una seduta di contrattazione integrativa con il
seguente ordine del giorno:

1. Comunicazioni
a – Indennità premiali addetti sicurezza
b – Progetto Mobilità sostenibile
c – Attuazione programmazione PTA
d – Ulteriore riduzione tasse per dipendenti iscritti a corsi di laurea
e – Finanziamento Progetto telelavoro
f – Centri di Servizio e di Ricerca – Gestione dei processi
2. Approvazione resoconto seduta precedente
3. Precariato personale tecnico amministrativo
4. Varie ed eventuali

Qui di seguito, inoltre, trovate una nostra richiesta di chiarimenti inoltrata il giorno 13 giugno u.s. all’Amministrazione su alcuni punti che noi riteniamo fondamentali  e rimasta finora senza risposta. Ci auguriamo di poter affrontare questi problemi in seduta di contrattazione!

chiarimenti_rev_def-1

 

Processo di valutazione 2014 – Comunicazioni importanti

PROCESSO DI VALUTAZIONE 2014 (in riferimento all’anno 2013)

Si è aperta il 5 giugno, con notevole ritardo rispetto alla scaletta prevista, la delicata fase dei colloqui, che terminerà in data 20 giugno (vedi email del 5 giugno inviata dal Team Valuta a tutto il personale)
Ricordiamo in primo luogo che TUTTI i valutati hanno il diritto/dovere di effettuare il colloquio!
Il colloquio, che deve essere svolto in serenità, rappresenta la condivisione della valutazione con il vostro valutatore: consente il confronto con chi vi ha valutato e in caso di valutazione negativa consente al valutato di esporre le proprie ragioni e di chiedere al valutatore di correggere i propri giudizi.
Alla chiusura di questa fase, le schede, cui si accede dalla piattaforma U-GOV, saranno rese disponibili ai valutati, i quali potranno inserire un eventuale commento che il valutatore potrà visualizzare(https://ugov.unipv.it/).
Si segnala in particolare l’esistenza di una Commissione di valutazione, alla quale si potrà ricorrere per segnalare eventuali incongruenze nella procedura (assenza di colloquio dopo prima segnalazione, mancanza dell’indicazione del co-valutatore, presenza di conflitti interpersonali valutato-valutatore, etc) o in caso di totale disaccordo con la valutazione
.
L’intervento della Commissione può essere richiesto inviando una mail a ricorsivalutazioni@unipv.it
I componenti sono, per l’Amministrazione: Davide BARBIERI,  Federica CORANA, Samantha BISIO
Per la RSU: Giuseppe DE PAOLIS, per le Organizzazioni Sindacali: Barbara ZANONI

Resta intesa la possibilità di inviare commenti e segnalazioni sul processo anche all’indirizzo rsu@unipv.it
Vi ricordiamo che è possibile fare ricorso entro il 4 luglio

Documenti utili:
Elenco dei ruoli attribuiti al PTA
Informazioni al PTA (slide)
Manuale operativo

Vedi anche la pagina dedicata al processo di valutazione sul sito dell’Ateneo,
http://www.unipv.eu/site/home/naviga-per/tecnico-amm./articolo10042.html

La RSU respinge la proposta di far parte del Gruppo di lavoro sul salario accessorio

Cari colleghi,

qui sotto trovate la lettera che abbiamo inviato all’Amministrazione in seguito alla proposta di far parte di un Gruppo di lavoro sul salario accessorio, ossia quanto viene percepito in aggiunta al normale stipendio a qualunque titolo (es. prestazioni conto terzi o indennità di vario genere). Ci è sembrato opportuno declinare l’invito, coerentemente con le decisioni assunte con voi in sede di assemblea. Come spiegato, infatti, ci sembra che l’Amministrazione non abbia accolto alcuna delle nostre proposte, a partire da quella, per noi irrinunciabile, della quantificazione precisa della cifra che viene sottratta alle categorie B, C e D per finanziare le indennità della categoria EP. Ci teniamo a precisare, a scanso di equivoci, che questa richiesta non è in alcun modo una crociata contro alcuni colleghi, ma piuttosto esprime la necessità di fare chiarezza, per tutti noi, su una questione fondamentale ancora alquanto controversa.

Sul fondo 2014

 

Richiesta di chiarimenti sulla riorganizzazione dei centri.

Cari colleghi, ecco la lettera inviata all’Amministrazione per avere chiarimenti in merito.

Segnaliamo anche che, finalmente, è stata convocata l’assemblea dei CEL per  il giorno 13 giugno 2014 dalle 11.00 alle 13.00 in Aula Marconi. Tutti gli interessati sono invitati a partecipare.

 

Le modifiche apportate agli articoli 8 e 24 del Regolamento di Ateneo per la costituzione e il funzionamento dei Centri (delibere 30/2014 del Senato Accademico del 17/03/2014 e 58/2014 del Consiglio di Amministrazione del 25/03/2014) suppongono una revisione dei regolamenti dei diversi Centri già attivi presso questo Ateneo.

Si sottolinea quanto carente sia stata, nella fase di revisione del Regolamento di Ateneo, l’informazione al personale stesso.

Peraltro, il personale dei Centri, in diversi casi, è stato riassorbito dai Dipartimento: ne risulta che non sia chiaro:

–  quali siano le sue competenze da una e dall’altra parte;

– se quando e quanto debba ancora svolgere le attività all’interno del Centro.

Nella fattispecie, i Centri di ricerca interdipartimentali, Centri di servizio interdipartimentali, Centri di servizio interfacoltà e Centri di servizio di Ateneo, dovrebbero “rivedere i propri regolamenti e, ove difformi dai principi di cui al presente regolamento, proporne la revisione, indicando altresì le attività previste per il futuro”.

Non si evince quanto la previsione delle attività future abbia una incidenza e una affinità con la definizione del ruolo “strategico” di questi Centri. Su questo punto, il personale che vi afferisce esprime il desiderio di ricevere, da parte degli Organi di governo, indicazioni precise sul futuro stesso dei Centri (ad es: Centro Studi UE) nonché sul ruolo che l’Ateneo intende affidare a tali strutture.

In almeno un caso, quello del Centro Linguistico di Ateneo, l’adeguamento alle norme formulate nel Regolamento di Ateneo appare più sostanziale, poiché prevede il reinserimento della figura del Direttore, figura già cancellata in una precedente revisione. In subordine a questa modifica sostanziale, si richiede quali saranno i provvedimenti e i tempi di attuazione e di adeguamento alle norme suddette, al fine di rendere operativa questa nuova organizzazione.