L’Assemblea si esprime a favore dell’Accordo 2015-2016

Il Personale, riunitosi in assemblea il 26 giugno 2017 ha votato a favore della sottoscrizione dell’ipotesi di accordo per la distribuzione del salario accessorio 2015-2016.

Ricordiamo che la sottoscrizione dell’accordo permette la corresponsione nella busta paga di luglio 2017 delle seguenti quote:

Personale di categoria BCD
– fondo comune di Ateneo 2015 e 2016
– indennità mensile di Ateneo riferita alla valutazione 2015

Personale di categoria EP
– indennità di risultato 2015
– incarichi ad interim 2015

Successivamente saranno erogate tutte le indennità ancora da corrispondere relative agli anni 2015-2016.

Dopo la certificazione del relativo fondo, potremo APRIRE LA TRATTATIVA per l’anno 2017.

L’approvazione di questa ipotesi lascia alle nostre spalle un lungo, difficile periodo di incertezze e ci consente di tornare a sedere a un tavolo di contrattazione decentrata finalmente restituito alla pienezza delle sue funzioni.

Grazie a tutti.

Pavia, 26 giugno 2017

26 giugno 2017 – Assemblea del Personale

La RSU, congiuntamente alle Organizzazioni Sindacali, convoca un’assemblea del Personale per lunedì 26 GIUGNO dalle ore 11,00 alle ore 13,00 presso l’AULA FOSCOLO del Palazzo Centrale.

Un unico punto all’ordine del giorno:

Approvazione E VOTO dell’ipotesi di accordo per la distribuzione del salario accessorio 2015-2016.

Leggetela qui.

Formuliamo di seguito il quesito che sarà posto a fine discussione per l‘approvazione dell’accordo:

Siete favorevoli alla sottoscrizione dell’accordo sul salario accessorio 2015-2016, che ci consentirà di sbloccare i pagamenti delle indennità residue per quegli anni, in particolare del fondo comune di Ateneo?

Per i partecipanti all’Assemblea sarà richiesto regolare permesso sindacale.

Ricordiamo che la partecipazione alle assemblee è un DIRITTO dei lavoratori.

A tal proposito, riportiamo di seguito l’articolo  del Contratto integrativo di Ateneo che norma il diritto di assemblea, e la dichiarazione congiunta posta in chiusura dello stesso contratto, che invita i responsabili a favorire la più ampia partecipazione del personale alle assemblee regolarmente indette.

Art. 49- DIRITTO Dl ASSEMBLEA
1. I dipendenti hanno diritto di partecipare, durante l’orario di lavoro, ad assemblee sindacali, in locali specificamente richiesti all’Amministrazione dal soggetto che indice l’assemblea, per n. 12 ore annue pro capite.
Eventuali deroghe a tale limite saranno concordate tra le parti.

2. ll diritto di indire assemblee spetta alle OO.SS. rappresentative nel comparto, singolarmente o congiuntamente e alle RSU.

3. Le assemblee possono essere aperte alla generalità dei dipendenti o a gruppi di essi.

4. I dipendenti che intendono intervenire all’assemblea ne danno informazione al responsabile di struttura e timbrano l’uscita e il rientro.

Dichiarazione congiunta a verbale
Le delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale, con riferimento all’art. 49 – Diritto di assemblea – convergono sulla necessità che tutti i Responsabili favoriscano la più ampia partecipazione del personale alle assemblee regolarmente indette.

Articolo correlato: http://www-5.unipv.it/rsu/?p=1374

Siglata l’ipotesi di accordo anni 2015 e 2016

Care Colleghe, Cari Colleghi,

giovedì 8 giugno 2017 è stata siglata l’ipotesi di accordo per la

distribuzione del salario accessorio per gli anni 2015 e 2016, potete scaricarla e leggerla qui.

Siamo convinti che l’approvazione di questa ipotesi possa servire per lasciarsi  alle spalle un lungo, difficile periodo di incertezze e per poter tornare a sedere a un tavolo contrattazione decentrata finalmente restituito alla pienezza delle sue funzioni.

L’effettiva sottoscrizione dell’ipotesi consentirà la corresponsione nella busta paga di luglio 2017 delle seguenti quote:

Personale di categoria BCD
– fondo comune di Ateneo 2015 e 2016
– indennità mensile di Ateneo riferita alla valutazione 2015

Personale di categoria EP
– indennità di risultato 2015
– incarichi ad interim 2015

A breve sarà convocata l’Assemblea del Personale durante la quale tale ipotesi sarà illustrata e discussa e, in seguito, votata da tutti i partecipanti.

Vi invitiamo a parteciparvi numerosi!

L’Assemblea si esprime a favore dell’Accordo 2014

L’assemblea del 18 ottobre 2016 ha votato a favore della sottoscrizione dell’ipotesi di accordo per la distribuzione del salario accessorio 2014, chiedendo l’emendamento – in senso migliorativo – della clausola riguardante la distribuzione dell’IMA premiale (punto D) art. 88, c. 2 f) indennità mensile, riportato a pagina 6 dell’accordo).

Vedi la dichiarazione dell’Assemblea che riporta anche la richiesta di salvaguardare, in fase di erogazione di tale indennità, i Colleghi che faranno ricorso.

Ricordiamo che la sottoscrizione dell’accordo 2014 permette l’erogazione nel mese di novembre di tutte le indennità ancora da corrispondere relative a questo annoindennità premiale compresa e, dopo la certificazione dei relativi fondi, di APRIRE LA TRATTATIVA per gli anni 2015 e 2016.

Grazie a tutti i presenti per l’animato contributo fornito in fase di discussione.

Pavia, 18 ottobre 2016

Dichiarazione Assemblea 18 ottobre 2016

Il Personale dell’Ateneo pavese, riunitosi in assemblea il 18 ottobre 2016 per la discussione e la sottoscrizione dell’ipotesi di accordo per la distribuzione del salario accessorio 2014 dichiara quanto segue:

– la clausola relativa alla distribuzione dell’IMA premiale riportata al punto D) art. 88, c. 2 f) indennità mensile, contrasta con quanto applicato al personale che percepisce conto terzi di categoria BCD titolare di posizioni organizzative, o di categoria EP;

– ritiene tale clausola inapplicabile in retroattività;

– ritiene di poter sottoscrivere l’ipotesi di accordo per la distribuzione del salario accessorio 2014 con lo stralcio della suddetta clausola, riformulando il punto come segue:

D) art. 88, c. 2 f) indennità mensile
….
Ogni responsabile avrà il suo budget da suddividere al personale di cat. B, C e D da distribuire in base alla valutazione individuale anno 2014.

– chiede che l‘indennità premiale che sarà erogata a novembre, venga corrisposta con questa modalità: eventuali ricorrenti percepiscono SUBITO il differenziale premiale che viene loro attribuito con il giudizio non condiviso; se il ricorso è favorevole percepiscono successivamente la differenza.

Pavia, 18 ottobre 2016