Notizie dalla contrattazione: il fondo 2017

La contrattazione del 26 marzo 2018  prevedeva la trattazione di aggiornamenti riferiti al Fondo per il trattamento accessorio 2017.

Ci è stato comunicato l’importo dei fondi 2017, certificati nella stessa mattinata dai Revisori:

€ 1.838.593 fondo B, C, D (art. 87 del CCNL vigente)

€   405.828 fondo EP (art. 90 del CCNL vigente)

La Delegazione Sindacale ha chiesto di poterne discutere la distribuzione: l’Amministrazione ha proposto una ripartizione delle voci che ricalca in parte quella del 2016; entro venerdì 30 marzo sarà inviata una bozza di accordo alla Delegazione Sindacale per le opportune considerazioni.

Una nuova convocazione del Tavolo, prevista lunedì 9 aprile alle 14, ci consentirà di siglare una ipotesi di accordo che sottoporremo al vaglio del Personale in assemblea.

La firma dell’accordo 2017 potrà portare il Tavolo – e la RSU che sarà eletta ad aprile – a discutere della distribuzione del fondo accessorio 2018 in tempi congrui e a parlare di progressioni economiche orizzontali (PEO).

Abbiamo chiesto che la cifra totale riferita all’Indennità mensile di Ateneo (IMA) sia incrementata rispetto a quella del 2016: era 735.000 €, la nostra richiesta per il 2017 è 900.000 €.

La quota di fondo comune di Ateneo è stata fissata in 509.000 €.

Il punto 4 dell’accordo 2015-2016compensi diretti ad incentivare la produttività e il miglioramento dei servizi” sarà riproposto anche nell’accordo 2017.

Il Direttore generale ha infine comunicato di stare ultimando la procedura per l’assegnazione degli incarichi 2018, concordati con i Dirigenti e i Responsabili di struttura.

contrattazione del 5 ottobre: aggiornamenti

Cara Collega, Caro Collega,

a conclusione della seduta di contrattazione di ieril’intera delegazione sindacale, sulla base degli elementi e dei dati forniti dall’Amministrazione, ha ritenuto di confermare la sua volontà di sottoscrivere ESCLUSIVAMENTE l’ipotesi di accordo relativa all’anno 2014.

Questo consentirà il pagamento nel mese di novembre di tutte le indennità ancora da corrispondere relative a questo anno,  indennità premiale(*) compresa.

In merito alla preintesa per l’anno 2015 restano ancora molti gli elementi da chiarire, in particolare sulla destinazione del Fondo comune di Ateneo che comunque, contrariamente a quanto comunicato dagli Uffici, non è in alcun modo soppresso.

Sulla ratifica dell’ipotesi d’accordo 2014 e sulla preintesa 2015 la RSU e le Organizzazioni Sindacali a breve e certamente entro la metà di ottobre, una volta concordate le date, chiameranno tutto il Personale a esprimersi in assemblea.

A presto

La RSU di Ateneo

(*) con indennità premiale si intende la parte di IMA eccedente i 47 euro mensili, distribuita in seguito alla valutazione del personale

Comunicato RSU-OOSS al Personale

Care Colleghe, cari Colleghi,

durante l’incontro di contrattazione del 22 luglio scorso è stata siglata dalla RSU e dalle sigle sindacali presenti al Tavolo (CGIL CISL UIL) l’ipotesi di accordo di contrattazione decentrata per il 2014.

Il Collegio dei Revisori dei conti nella seduta del 26 settembre ha espresso parere favorevole alla certificazione di tale ipotesi.

Il Consiglio di Amministrazione nell’adunanza del 27 settembre l’ha approvata.

L’intera Delegazione sindacale, per meglio precisare l’ipotesi 2014 e al fine di prevenire eventuali fraintendimenti, ha trasmesso in data 23 settembre una richiesta di chiarimenti in merito ai seguenti punti da discutere e definire nella seduta di contrattazione del 5 ottobre prossimo, in particolare:

– pagamento arretrati indennità dovute per il 2014, da effettuare entro il mese di novembre

– pagamento fondo di ateneo 2015, da effettuare entro il mese di novembre

– tempistica certificazioni fondi 2015/2016

Sono inoltre state siglate una preintesa, che getta le basi per costruire un’ipotesi di accordo per il 2015 e una nota di intenti per il 2016: tali documenti hanno lo scopo esclusivo di definire l’ammontare dei fondi per ciascun anno in modo da poter essere altrettanto celermente sottoposti al vaglio dei Revisori. Niente in merito ai contenuti e alle tipologie di indennità è stata definito o rivisto.

E’ ovvio e naturale che l’effettiva sottoscrizione di qualsiasi IPOTESI potrà avvenire solo dopo avervi consultati tramite Assemblea.

Nel momento in cui sarà definito con estrema esattezza tutto quanto sopra riportato, l’intera delegazione sindacale convocherà immediatamente l’Assemblea del Personale, alla quale vi aspettiamo numerosi.

Tutti i passaggi che si sono succeduti da quando questa vicenda si è sviluppata sono raccolti sul blog della RSU http://www-5.unipv.it/rsu/

 Pavia, 29 settembre 2016

La RSU dell’Università di Pavia – FLC CGIL – CISL FEDERAZIONE UNIVERSITA’ – UIL RUA

NB: tutti i documenti citati sono “linkati” nel testo:

ipotesi di accordo di contrattazione decentrata per il 2014:
http://www-5.unipv.it/rsu/wp-content/uploads/2016/09/Ipotesi_accordo_2014.pdf

richiesta di chiarimenti:
http://www-5.unipv.it/rsu/?p=1204

preintesa:
http://www-5.unipv.it/rsu/wp-content/uploads/2016/09/Preintesa_2015.pdf

nota di intenti per il 2016:
http://www-5.unipv.it/rsu/wp-content/uploads/2016/09/Principi_guida_2016.pdf

Replica di RSU e Organizzazioni Sindacali

La RSU, insieme alle Organizzazioni Sindacali, ha inviato la seguente replica alle risposte ottenute dall’Amministrazione alla richiesta congiunta del 15/9/2016:

Al Direttore Generale
Al Delegato per le Risorse Umane

I riscontri in data 22 settembre alla richiesta trasmessa in data 15 settembre dalla RSU e condivisa dall’intera delegazione sindacale non risultano in alcun modo esaustivi al fine di una migliore comprensione di alcuni passaggi riportati nei documenti sottoscritti. Si apprezza comunque, quale indice di impegno convinto, il successivo ripensamento del Delegato di mantenere la scheda per il CDA di martedì prossimo.

La delegazione sindacale non intende pertanto sottoporre alcun documento al voto dell’Assemblea del Personale tecnico-amministrativo senza che ciascuna delle osservazioni sotto riportate sia precisamente definita e recepita in un allegato “tecnico” che deve costituire parte integrante degli accordi e delle ipotesi in discussione e che, pertanto, deve essere sottoscritto da entrambe le Parti.

Ipotesi di accordo 2014: Si chiede di esplicitare meglio i termini della seguente frase, riportata nell’ultima mail del 22/9/2016: “L’evoluzione odierna pare orientarsi verso un’espressione dei revisori come prevista ex dlgs 165”.
Si chiede inoltre di visionare la Relazione tecnico-finanziaria per il 2014 e il verbale contenente i relativi rilievi dei Revisori almeno 7 giorni prima della prossima seduta di contrattazione.

Piano di rientro e tempistica certificazioni fondi 2015/2016: l’Amministrazione comunicherà puntualmente alla Delegazione sindacale, non appena avutane notizia, qualsiasi data di convocazione del Collegio dei revisori dei conti, con relativo ordine del giorno (ovviamente riguardante le materie in discussione) e qualsiasi altro passaggio che intercorrerà tra i Revisori e l’Amministrazione stessa, senza che queste debbano essere in alcun modo, come sinora sempre avvenuto, costantemente richieste/sollecitate dalla Delegazione sindacale.

Erogazione del fondo comune di ateneo conto terzi 2015: la preintesa 2015 non contiene alcuna indicazione circa le modalità di erogazione. Pertanto, anche alla luce della comunicazione ufficiale inviata su sollecitazione della delegazione sindacale al Personale in data 23/6/2016, lo stesso deve essere corrisposto entro il mese di novembre 2016.
Si chiede di conoscere l’importo totale del Conto terzi incassato dall’Università nell’anno solare 2015 e l’importo del discendente Fondo comune (nelle percentuali 5%+5%).

Tempistiche indennità arretrate: in considerazione dei riscontri dell’Amministrazione alla richiesta citata in premessa, stante ovviamente l’approvazione dell’accordo 2014, il cui esame appare ragionevolmente ravvicinato, l’accessorio 2014 sarà corrisposto nel mese di novembre 2016.

Si richiede che ai quesiti sopra esposti sia data ampia ed esaustiva risposta durante la seduta di contrattazione del 5 ottobre prossimo, a ciò prioritariamente dedicata.

Si ribadisce ancora una volta che presupposto fondamentale per la sottoscrizione degli accordi è avere dati certi sul piano di rientro.

Pavia, 23 settembre 2016

La RSU di Ateneo – FLC CGIL – CISL FEDERAZIONE UNIVERSITA’ – UIL Rua

notizie dalla contrattazione del 22 luglio 2016

Care Colleghe, cari Colleghi,

nella scorsa seduta di contrattazione è stata siglata, da una larga maggioranza della RSU e dalle sigle sindacali presenti al Tavolo (CGIL CISL UIL), l’ipotesi di accordo di contrattazione decentrata per il 2014.

Si è in sostanza realizzato quanto esplicitamente richiesto dall’intera delegazione sindacale durante la contrattazione del 14 giugno scorso, (ri)leggete sul blog i punti dichiarati imprescindibili:

http://www-5.unipv.it/rsu/?p=1172

Tale documento è all’ordine del giorno della seduta del Consiglio di Amministrazione del 27 settembre 2016.

Sono inoltre state siglate una preintesa, che getta le basi per costruire un’ipotesi di accordo per il 2015 e una nota di intenti per il 2016.

L’accordo è soddisfacente perché sblocca finalmente le indennità, permettendoci di avere qualche soldo in più in busta paga. L’IMA, Indennità mensile di Ateneo è infatti stata aumentata a 55 euro.

Cogliamo l’occasione per soffermarci su alcuni passaggi della Preintesa 2015:

Fondo EP: seguendo il principio dettato dal MEF, è stabilita la decurtazione del 10% delle indennità di posizione a partire dal 2015. Precisiamo che tale decurtazione opera sul fondo e non sui singoli!  Come avvenuto nel 2014, tutte le indennità di posizione 2015 sono già state erogate: nessuna restituzione sarà chiesta, l’erogato in più rispetto all’erogabile definito dal MEF, sarà ripianato dalla quota di fondo comune.

Il fondo comune di Ateneo derivante dai compensi conto terzi entra dal 2015 a far parte del salario accessorio e diventa così pensionabile. Abbiamo chiesto chiarimenti circa l’erogazione di tale fondo, che, in base alle dichiarazioni dell’Amministrazione, ha subito ritardi dovuti all’”adozione per il primo anno della contabilità economico patrimoniale, e pertanto all’inevitabile protrarsi delle operazioni di chiusura del bilancio 2015” (mail del 23 giugno 2016 a firma Loretta Bersani, inviata a tutto il Personale).

Vedi anche la nostra replica alla risposta dell’Amministrazione.

E’ ovvio e naturale che l’effettiva sottoscrizione di tali IPOTESI potrà avvenire solo dopo avervi consultati tramite Assemblea.

Vi aspettiamo dunque numerosi all’Assemblea, che vorremmo organizzare dopo la prossima seduta di contrattazione, prevista per il 5 ottobre 2016