MICHELE GIRARDI
Drammaturgia musicale a e b, Drammaturgia musicale
2, a.a. 2008-2009

DRAMMATURGIA MUSICALE A: Uno sguardo d’insieme sul teatro musicale di Maurice Ravel.

Molto più noto e studiato come compositore di musica strumentale, Ravel dette due contributi vitali al teatro musicale del Novecento: L’heure espagnole (1911) e L’enfant et les sortilèges (1925). Le due opere sono state analizzate nel contesto del teatro musicale francese ed europeo del tempo
. Programma d’esame (20090123).


DRAMMATURGIA MUSICALE B: L’amore ‘egoista’, tra ambizione erotismo e altro ancora, in alcuni ‘duetti’ dall’Incoronazione di Poppea, Rigoletto, Boris Godunov, Samson et Dalila, Jenufa.

Nell corso si sono illustrate alcune peculiarità formali e ‘semantiche’ della ‘forma-duetto’ esaminando qualche caso in cui uno dei protagonisti, fingendo, non ricambia l’amore dell’altro.

Parte istituzionale (moduli a e b): Il teatro musicale europeo, 1750-1928.
Si richiede la conoscenza delle opere (e dei rispettivi generi) nel periodo indicato. Sono previste nel primo semestre esercitazioni affidate a un tutor, su problemi storiografici e analitici e sui titoli più importanti del repertorio, e approfondimenti delle tematiche trattate nel I e nel II modulo.

Bibliografia

CARL DAHLHAUS, La musica dell’Ottocento, Scandicci (Firenze), La Nuova Italia, 1990 (in particolare tutte le sezioni dedicate al teatro musicale; 780.9034 DAH / Mus); CARL DAHLHAUS, Drammaturgia dellopera italiana, in Storia dellopera italiana. VI: Teorie e tecniche, immagini e fantasmi, a cura di Lorenzo Bianconi e Giorgio Pestelli, Torino, EDT, 1988, pp. 79-158 (782.10945 STO 6), ora disponibile anche in volume separato (Torino, EDT, 2005, «Risonanze»); per l’inquadramento generale si tengano presenti i volumi 8 (RENATO DI BENEDETTO, Romanticismo e scuole nazionali, Torino, EDT, 1991), 9 (FABRIZIO DELLA SETA, Italia e Francia nellâOttocento, Torino, EDT, 1993) e 10 (GUIDO SALVETTI, La nascita del Novecento, Torino, EDT, 1991) della Storia della musica, a cura della Società  italiana di musicologia, 2a edizione (780.9 STO/SIdM; Fondo Stauffer 65), e MICHELE GIRARDI, Opera e teatro musicale 1890-1950.*

DRAMMATURGIA MUSICALE 2: Drammaturgie musicali a confronto: i ripensamenti d’autore

Il modulo, rivolto agli iscritti alla laurea specialistica, si è svolto in forma seminariale. Nella prima parte del corso (dodici ore) il docente ha trattato il caso delle tre versioni della Rondine di Giacomo Puccini (1917-1920-1922) e delle tre (e più) di Boris Godunov di Musorgskij (1869-1874-1896). La seconda parte è stata dedicata all’applicazione dei frequentanti su altri casi della stessa natura, privilegiando l’analisi drammaturgica di partiture e libretti. Sono stati presi in esame i seguenti titoli: Guillaume Tell (1829)-Guglielmo Tell di Gioachino Rossini (1831-1836), I puritani, di Vincenzo Bellini (1835, Parigi e Napoli), Simone Boccanegra di Giuseppe Verdi (1857-1881), Faust di Charles Gounod (1859-1869), e Candide di Leonard Bernstein (1959-1989). Nel corso è intervenuto il prof. Anselm Gerhard (Università di Berna), che ha proposto due casi verdiani: Macbeth (1847-1865) e Don Carlos (1867)-Don Carlo (1884-1886).
Programma d’esame, anche per non frequentanti (20090209).

 

Curriculum

Pubblicazioni

Convegni

Altre attività 

Corsi: 1997-98, 1998-99, 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002, 2002-2003-ab, 2002-2003-2, 2003-2004-ab, 2003-2004-2