sist_esa

 

 

20211005

 

Il corso è stato diviso in due parti, tra loro in alternanza. Nella prima (un’introduzione e sei lezioni) si sono studiati nelle linee generali i sistemi produttivi dell’opera in musica nelle loro generalità e in senso diacronico. Si è iniziato trattando il modello per il teatro pubblico in ogni città della penisola, quello veneziano, dove fin da subito esigenze economiche e di rappresentanza hanno indotto la Serenissima a varare una rete di occasioni dove coniugare la piacevolezza della vita all’interesse economico e politico. Si sono poi prese in esame le principali tappe artistiche, sempre nell’ottica dell’opera come fenomeno sociale, nel xviii secolo, dai grandi temi come quello del tiranno illuminato (celebrato fino alla Clemenza di Tito, 1791), al ‘realismo’ dell’elemento buffo, fino alla nascita dei teatri-simbolo delle piazze pincipali, dal primario San Carlo di Napoli (1738), alla Scala di Milano (1778) fino alla Fenice di Venezia (1792). Si sono poi viste per grandi linee le caratteristiche del teatro ottocentesco e novecentesco, tenendo sempre presente la collocazione sociale delle sale in relazione ai generi – teatro ‘statale’ in Francia, e due generi principali (grand opéra e opéra comique), drammi seri e opera buffa, anche farsa, in Italia. Dalla fine dell’Ottocento e nei primi del Novecento si definisce la nuova organizzazione dei teatro, con la nascita degli enti autonomi, fino ai giorni nostri.

 La parte seconda è stata svolta in forma di lezioni-conferenza con un relatore principale ospite, due delle quali aperte al pubblico, intitolate Come si monta un’opera? (>), e affidate ad artisti e uomini di cultura che agiscono nel mondo della musica, nei ruoli di compositore, librettista, sovrintendente, direttore artistico e direttore di Festival, segretario generale, direttore d’orchestra, regista, scenografo ecc.

 

NB: il segno > rinvia a un collegamento ipertestuale, solitamente un documento in formato pdf; * segnala che il documento (testo, audio o video ecc.) è disponibile su richiesta a scopo di studio; dbi collega alla voce specifica del Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani ol; wi rimanda alla voce di Wikipedia in italiano (altrimenti we in inglese, ecc.). In questa pagina si raccoglie una vasta mole d’informazioni, in guisa d’archivio consultabile da qualsiasi ricercatore fosse interessato alla tematica. Solo una parte di esso sarà dunque oggetto del programma d’esame del corso, e verrà specificato al termine delle lezioni.

 

 

NB: il segno > rinvia a un collegamento ipertestuale, solitamente un documento in formato pdf; * segnala che il documento (testo, audio o video ecc.) è disponibile su richiesta a scopo di studio.

20211015

 

Per l’inquadramento storico la / il candidata / o potrà consultare i volumi 9 (Fabrizio Della Seta, Italia e Francia nell’Ottocento, Torino, edt, 1993) e 10 (Guido Salvetti, La nascita del Novecento, Torino, edt, 1991) della Storia della musica, a cura della Società italiana di musicologia, ii ediz. (anche nell’ediz. economica: 2013); una soluzione di ripiego può essere la lettura del manuale di Mario Carrozzo, Cristina Cimagalli,  Storia della musica occidentale. Dal Romanticismo alla musica elettronica, 3 voll., Milano,  Armando, 2009: (>, almeno le pp. 11-56, 169-418).

 

La / il candidata / o dovrà dimostrare di possedere le nozioni basilari di storia sociale dell’opera nell’Ottocento, che otterrà leggendo John Rosselli, Sull’ali dorate. Il mondo musicale italiano dell’Ottocento, Bologna, Il Mulino, 1992 (>) e, per la parte recente Fiamma Nicolodi, Il sistema produttivo dall’Unità a oggi (>) nella Storia dell’Opera italiana, a cura di Lorenzo Bianconi e Giorgio Pestelli, vol. 4 Il sistema produttivo e le sue competenze, Torino, edt/Musica, 1987, pp. 167-229.

 

Per conoscere sinteticamente la storia dell’opera nella capitale del teatro la/ il candidata / o potrà scorrere Michele Girardi, Venezia è la musica (>), Venezia, 2020 e Francesca Gualandri, Spettacoli, luoghi e interpreti a Venezia all’epoca della «Didone» (>), «La Fenice prima dell’opera», 7, 2006, pp. 39-62. Dalla pagina del corso (>) trarrà definizioni enciclopediche importanti (A.1.a), troverà sussidi per tenere sott’occhio altri dati utili (A.1.b-d) ed eventualmente acquisire nozioni di diverso genere sul teatro d’opera (A.2.a-g). Per documentarsi sulla storia dei sistemi produttivi del Teatro La Fenice di Venezia consulterà le sezz. B.1a, B2a e valuterà almeno due fra i quattro casi che troverà nelle sezioni B.1b-1f, per eventuali approfondimenti, leggerà Anna Laura Bellina (>) – Michele Girardi (>), Il teatro La Fenice 1792-1996. Il teatro, la musica, il pubblico, l’impresa, Venezia, Marsilio, 2003. Studierà inoltre un parte del sistema produttivo ottocentesco del teatro in Carlo Steno RossiIl teatro come impresa: la Fenice negli anni 1836-66, «Quaderni dell’Archivio Storico», 1, Venezia 2005 (>), considerando le nozioni di base esposte all’inizio, e la ricca messa degli allegati (>)

 

Nella pagina del corso (>) la/ il candidata / o troverà poi dati utili per comprendere e valutare anche il sistema produttivo del Teatro alla Scala in 2.2a, ne seguirà poi l’evoluzione in Ivano Cavallini, Arturo Toscanini (>), in Il contributo italiano alla storia del pensiero. Musica, Roma, Istituto dell’enciclopedia italiana, © 2018, pp. 519-530, e in particolare l’attività del «Riformatore culturale». Per capire la figura del direttore d’orchestra nella sua identità politica leggerà Il caso Toscanini (>), il  postscritto (1994) al «Caso Toscanini» e l’ epilogo (>), in Harvey SachsMusica e regime [Music in Fascist Italy, 1984], Milano, il Saggiatore, 1995 (*),  pp. 271-313, 315-317, 319-321. 

 

Leggerà infine le leggi attuali in materia di Fondazioni lirico sinfoniche e di beni culturali (C).

 

La parte del modulo intitolata Come si monta un’opera sarà oggetto di una breve discussione. In alternativa la/ il candidata / o studierà: Marcello Conati, Teatri e orchestre al tempo di Verdi (>), in Giuseppe Verdi. Vicende, problemi e mito di un artista del suo tempo, catalogo della mostra, Colorno, 1985, pp. 47-78, Enciclopedia della musica Einaudi. Edizione per il Sole 24 ore, 2006, vol. i: Ellen Rosand, Gli esordi del teatro pubblico a Venezia, pp. 403-415 (>), Giuseppe Francese, Le Fondazioni lirico-sinfoniche, tesi di laurea in Diritto amministrativo, Urbino, a.a. 2006-2007, © 2009 (>)

 

 

Curriculum

Pubblicazioni

Convegni

Altre attività 

Corsi: 1997-98, 1998-99, 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002, 2002-2003-ab, 2002-2003-2, 2003-2004-ab, 2003-2004-2