La musicologia ha ‘scoperto’ con qualche ritardo che anche l’opera, e ‘persino’ quella italiana si basa su strutture formali ben degne di indagine critica, dopo che, sulla scorta della storiografia musicale di area sistematica, e tedesca in particolare, aveva privilegiato la musica strumentale. Nella prova d’esame si discuteranno alcuni titoli scelti nell’area dell’opera italiana nel secolo xix, un excursus storico sottomesso alla conoscenza delle principali forme praticate nelle diverse fasi di maturazione del genere, anche in rapporto al sistema produttivo e alle pratiche europee del tempo, particolarmente francesi.

 

NB: il segno > rinvia a un collegamento ipertestuale, solitamente un documento in formato pdf.

 

20191021

 

Nella pagina principale del corso (>) vengono resi disponibili sussidi per conoscere la storia del teatro musicale nel xix secolo – cronologie delle opere dell’Ottocento >, generi nel teatro musicale, 1850-1900 >, oltre che una serie di esempi trattati a lezione, in opere e forme, 1-8 –, e schemi delle forme principali del melodramma ottocentesco, e del teatro verdiano in particolare, da tener presenti per la preparazione dell’esame (imprescindibile la conoscenza della «solita forma» (>), secondo lo schema tracciato da Harry Powers, 1983 >). Consulterà anche il Piccolo glossario di drammaturgia musicale, 2010 (>), per reperire i lemmi indispensabili del cui significato non si fosse a conoscenza. Esaminerà anche, coi medesimi scopi, l’Avviamento alla metrica italiana, a cura di Tarcisio Balbo (© 2003), Nicola Badolato, Lorenzo Bianconi (© 2009), ppt, parte i (>), parte ii (>).

 

Per sostenere l’esame il candidato che avrà seguito le lezioni, e anche quello che non ha frequentato (gli argomenti si trovano qui >) dovrà conoscere per sommi capi la storia dell’opera nell’Ottocento, che apprenderà al meglio nel libro di Fabrizio Della Seta, Italia e Francia nell’Ottocento, Torino, edt, 1993. Una soluzione di ripiego, tuttavia accettabile, è la consultazione del manuale di Mario Carrozzo, Cristina Cimagalli,  Storia della musica occidentale. Dal Romanticismo alla musica elettronica, 3 voll., Milano,  Armando, 2009: pp. 11-56, e 169-244 (>); chi non conosce la musica può saltare gli esempi, limitandosi a recepirne il senso.

 

Si richiede inoltre la conoscenza della  trama dei seguenti titoli (almeno tratta da wikipedia), e dei libretti contrassegnati con asterisco: Rossini, Semiramide, 1823, e Guillaume Tell, 1829*; Bellini, Norma, 1831; Donizetti, Lucia di Lammermoor, 1835*; Verdi, Macbeth, 1847, n.v. 1865, Rigoletto, 1851*, Il trovatore, 1853, La traviata, 1853, Don Carlos, 1867, Otello, 1887, Falstaff, 1893; Bizet, Carmen, 1875; čajkovskij, Evgenij Onegin, 1879; Puccini, Manon Lescaut, 1893, La bohème, 1896*, Tosca, 1900.

 

La comprensione della svolta poetica e formale la si ottiene leggendo cinque pp. che Victor Hugo, nella Préface alla prima edizione del suo dramma storico Cromwell (Paris, Ambroise Dupont, 1828, pp. i-xlvii: xvii-xxi >) dedica alla nuova funzione di Shakespeare nel teatro del presente (trad. it di michele girardi, 20181028 >).

 

L’approfondimento dei caratteri formali dell’opera dell’Ottocento, in particolare italiana, dovrà essere condotto sui seguenti articoli:  Marco Beghelli, Morfologia dell’opera italiana da Rossini a Puccini (>), in Enciclopedia della musica, a cura di Jean-Jacques Nattiez, vol. IV: Storia della musica europea,  Torino, Einaudi, 2004, pp. 894-921; Giorgio Pagannone, Il duetto nell’opera dell’Ottocento: forma e dramma (>), «Musica Docta», V.2012, pp. 55-68.

 

Chi volesse sostenere l’esame senza avere frequentato dovrà concordare col docente alcuni saggi da studiare, fra cui si segnalano sin d’ora:  Michele Girardi, Thou wouldst make a good fool - Egli è «Delitto», «Punizion» son io: due facce di Rigoletto (>), «La Fenice prima dell’opera», 2010/5, pp. 13-38; Harold S. Powers, «La solita forma» and «The Uses of Convention», «Acta Musicologica», vol. 59, Fasc. 1, Jan. - Apr., 1987, pp. 65-90; Paolo RussoLargo al concertato! Alle origini del «quadro di stupore. «Il Saggiatore musicale», vol. 15, n. 1, 2008, pp. 33-66

 

 

 

Curriculum

Pubblicazioni

Convegni

Altre attività 

Corsi: 1997-98, 1998-99, 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002, 2002-2003-ab, 2002-2003-2, 2003-2004-ab, 2003-2004-2