MICHELE GIRARDI

Drammaturgia musicale 3

a.a. 2014-2015

 

 

20150122

 

«È finita – non siede che l’odio | e la morte  sul vedovo cor!»: tradimenti e adulterii, veri o presunti, nell’opera seria romantica e post-romantica.

 

Se Renato, nell’atto terzo di Un ballo in maschera decide di uccidere la moglie, poi cambia idea e si sfoga sul rivale, Otello soffoca brutalmente Desdemona, Canio si getta senza esitazioni sulla gentil consorte sguainando la lama e chiude Pagliacci in un bagno di sangue ammazzando pure Silvio, l’amante di Nedda. Dal canto suo il marito della Florentine Tragedy, capolavoro di Zemlinsky, riconquista la moglie strangolando in duello il rivale, mentre Carmen viene pugnalata in scena da Don José e  Wozzeck accoltella mortalmente la sua Marie. Se poi si riflette sul Ring, dove un seduttore gira impunito (ma è il re degli dèi) l’affare si complica parecchio, specie quando tollera legami incestuosi salvo poi a liquidare i mariti traditi con un gesto di disprezzo. Naturalmente l’amore, e il tradimento, sono pane quotidiano sulle scene liriche, ma sarà proficuo analizzare i diversi modi con cui gli autori, librettisti e compositori, gestiscono le situazioni in diverse fasi storiche, specie nei finali d’opera. Di solito la moglie (oppure fidanzata e compagna) o il suo amante ci lasciano le penne, più raramente il marito (Agamennone, ma nell’antefatto di Elektra, così come Nino nella Semiramide di Rossini), talora la ‘traditrice’ fa tutto da sola ed espia la colpa pagando con la morte, come Manon Lescaut. Rarissimi i casi di lieto fine, come accade in Stiffelio di Verdi (1850), dove il marito, seguendo la Bibbia, perdona l’adultera. Meno frequente che sia l’uomo a essere infedele (effetto, forse, di un punto di vista di genere da parte degli autori maschi), e all’occasione la passa liscia, come Enrico viii che manda a morte l’innocente Anna Bolena per impalmare Giovanna, o Pinkerton, che dopo essersi risposato torna in Giappone per riprendersi il figlio nato da Cio-Cio-San, e anche Števa Buryja, perdonato da Jenůfa. In altri casi l’uomo paga la sua colpa e si riscatta, come Pollione che sale sul rogo insieme a Norma e il Principe che riceve con ardore il bacio mortale dalla ninfa Rušalka nell’opera di Dvořak, o più semplicemente perisce, come Roberto che viene costretto a danzare fino alla morte nelle Villi di Puccini (1884). Altre trame prevedono infedeltà molteplici, come in Cavalleria rusticana, dove Turiddu tradisce Santuzza e Lola il marito.

 

Il modulo si è svolto prevalentemente mediante lezioni frontali, e si è chiuso  con  seminari dei frequentanti. Non esiste una bibliografia specifica su questo argomento ed è utile, ma resta a margine perché tratta forzosamente di opera buffa in gran parte, il saggio di Federico Gon, Fra corni e corna: morfologia di un espediente semantico musicale, «Rivista italiana di musicologia», n. 49, 2014, pp. 55-83 (*). Un celebre pamphlet di Balzac, all’inizio pubblicato anonimo, ben si presta a inquadrare il problema del rapporto di coppia per come lo vedeva un francese colto nei primi decenni dell’Ottocento: [Honoré de Balzac], Physiologie du mariage : ou, Méditations de philosophie éclectique sur le bonheur et le malheur conjugal publiées par un jeune célibataire, Paris, Lavasseur, 1829, 18302 ; formato testo >). Il docente ha tenuto un’ampia introduzione metodologica al lavoro di ricerca dei frequentanti, definendo il contesto e i titoli da considerare nei seminari. Per l’inquadramento generale si tengano presenti i volumi 8 (Renato Di Benedetto, Romanticismo e scuole nazionali, Torino, edt, 1991), 9 (Fabrizio Della Seta, Italia e Francia nell’Ottocento, Torino, edt, 1993) e 10  (Guido Salvetti, La nascita del Novecento, Torino, edt, 1991) della Storia della musica, a cura della Società italiana di musicologia, ii ediz. (ediz. economica: 2012-2013).

 

NB: il segno > rinvia a un collegamento ipertestuale, solitamente un documento in formato pdf; * segnala che il documento è disponibile a scopo di studio.

 

 

 

Calendario e argomento delle lezioni, 20150122 (>)

Programma d’esame, 20150122 (>)

Orari del corso: giovedì 14.30-17.30, venerdì 10.30-13.30, aula iii

 

20141002 Introduzione al corso, repertorio e metodologia. Fra commedia e tragedia: le corna di Figaro e di Ford

a. Tradimenti, veri supposti o inventati, nelle opere di Verdi, michele girardi © 2014 (>)

20141003 «Ma dall’orrido stelo divulsa»

 

20141009 «Wir arme Leut»: Wozzeck, o del tradimento della povera gente

a. Johann Christian Woyzeck (1780-1824), involontario ispiratore del dramma (>)

b. La fonte: Woyzeck di Büchner (biografia dell’autore, e voce e trama dellopera in wikipedia, >) 

c. Le forme musicali nel Wozzeck (girardi, © 2003, >)

d. Musica di carattere nel Wozzeck (>)

e. La musica di Franz Wozzeck (>)

20141010 Le donne di Janáček, tradite e traditrici, vincitrici e perdenti: Jenůfa e Kát’a .

20141016 I mariti cornuti a spasso per il Ring: Hunding e i gemelli.

a. la trama del Ring des Nibelungen (>)

b. i libretti di Wagner (testo originale, trad. italiana di Manacorda a fronte >): Die Walküre (>)

c. «La Fenice prima dell’opera», Der Ring des Nibelungen: 0. Richard Wagner, «Das Rheingold», 2011, 3 (>); 1. Richard Wagner, «Die Walküre», 2005-2006,  2 (>); 3. Richard Wagner, «Siegfried», 2007, 4 (>); 4. Richard Wagner, «Götterdämmerung», 2009, 5 (>).

d. I rapporti di parentela nel Ring des Nibelungen, incesti, amanti e quant’altro (>)

e. Immagini wagneriane (>) violoncelli 1, 1829 (>), violoncelli 2, 1887 (>), violoncelli 3, 1900 (>)

20141023 Un Don Giovanni in gonnella

a. Prosper Merimée, Carmen, Paris, Michel Lévi, 1846 (>)

b. libretto di Carmen, «La Fenice prima dell’opera», 4, 2012 (>)

c. Meilhac & Halévy, Carmen, livret tiré de Georges Bizet, Carmen, opéra-comique en quatre actes tirée de la nouvelle de Prosper Merimée par Henri Meilhac et Ludovic Halévy, Texte établi par Joseph Heinselmann, edition critique d’après la partition chant et piano arrangée par l’auteur par Robert Didion, Mainz, Schott © 1992 (>)

d. partiture di Carmen (>)

e. Carmen / opéra comique en 4 actes tiré de la nouvelle de Prosper Merimee / poème de H. Meilhac et L. Halevy / musique de Georges Bizet / partition chant et piano arrangée par l’auteur, Paris, Choudens père et fils 1875 (è lo spartito edito nel marzo del 1875 sotto la diretta responsabilità dell’autore, >)

f. il tetracordo di Carmen (>)

g. Tema di Carmen (>)

h. Montaggi tematici 1: Don José (>)

k. Montaggi tematici 2: Don José vs Carmen (>)

i. Montaggi tematici 3: «Toréador en garde» (>)

l. Voir Carmen, 1 (>)

m. Voir Carmen 2 (>).

 

20141024 La luminosa giovinezza di Manon Lescaut

a. Prévost, Histoire du Chevalier Des Grieux et de Manon Lescaut, nouvelle edition, 1787 (>)

b. libretto di Manon Lescaut, «La Fenice prima dell’opera», 1, 2010 (>)

c. Ugo Gheduzzi, Scena dell’atto iv (>)

d. Manon Lescaut: struttura sinfonica del primo atto (Leibowitz, >)

e. «Manon Lescaut mi chiamo» michele girardi © 2014 (>)

f. «Sola... perduta, abbandonata...» michele girardi © 2014 (>)

20141030 « There ‘s a boat that’s leavin’ soon for New York»: Bess, fra uomini e cocaina

a. libretto con traduzione italiana a fronte (>)

b. la struttura musicale di Porgy & Bess (>)

c. Porgy & Bess, vocal score, pp. 1-4 (>)

 

Curriculum

Pubblicazioni

Convegni

Altre attività 

Corsi: 1997-98, 1998-99, 1999-2000, 2000-2001, 2001-2002, 2002-2003-ab, 2002-2003-2, 2003-2004-ab, 2003-2004-2